1. Sansone scese a Timnah, e vide quivi una donna tra le figliuole de’ Filistei.
  2. Tornato a casa, ne parlò a suo padre e a sua madre, dicendo: «Ho veduto a Timnah una donna tra le figliuole de’ Filistei; or dunque, prendetemela per moglie».
  3. Suo padre e sua madre gli dissero: «Non v’è egli dunque tra le figliuole de’ tuoi fratelli e in tutto il nostro popolo una donna per te, che tu vada a prenderti una moglie tra i Filistei incirconcisi?» E Sansone rispose a suo padre: «Prendimi quella, poiché mi piace».
  4. Or suo padre e sua madre non sapevano che questo veniva dall’Eterno, poiché Sansone cercava che i Filistei gli fornissero un’occasione di contesa. In quel tempo, i Filistei dominavano Israele.
  5. Poi Sansone scese con suo padre e con sua madre a Timnah; e come furon giunti alle vigne di Timnah, ecco un leoncello farglisi incontro, ruggendo.
  6. Lo spirito dell’Eterno investì Sansone, che, senz’aver niente in mano, squarciò il leone, come uno squarcerebbe un capretto; ma non disse nulla a suo padre né a sua madre di ciò che avea fatto.
  7. E scese, parlò alla donna, e questa gli piacque.
  8. Di lì a qualche tempo, tornò per prenderla, e uscì di strada per vedere il carcame del leone; ed ecco, nel corpo del leone c’era uno sciame d’api e del miele.
  9. Egli prese in mano di quel miele, e si mise a mangiarlo per istrada; e quando ebbe raggiunto suo padre e sua madre, ne diede loro, ed essi ne mangiarono; ma non disse loro che avea preso il miele dal corpo del leone.
  10. Suo padre scese a trovar quella donna, e Sansone fece quivi un convito; perché tale era il costume dei giovani.
  11. Non appena i parenti della sposa videro Sansone, invitarono trenta compagni perché stessero con lui.
  12. Sansone disse loro: «Io vi proporrò un enimma; e se voi me lo spiegate entro i sette giorni del convito, e se l’indovinate, vi darò trenta tuniche e trenta mute di vesti;
  13. ma, se non me lo potete spiegare, darete trenta tuniche e trenta mute di vesti a me».
  14. E quelli gli risposero: «Proponi il tuo enimma, e noi l’udremo». Ed egli disse loro: «Dal mangiatore è uscito del cibo, e dal forte e uscito del dolce». Per tre giorni quelli non poterono spiegar l’enimma.
  15. E il settimo giorno dissero alla moglie di Sansone: «Induci il tuo marito a spiegarci l’enimma; se no, darem fuoco a te e alla casa di tuo padre. E che? ci avete invitati qui per spogliarci?»
  16. La moglie di Sansone si mise a piangere presso di lui, e a dirgli: «Tu non hai per me che dell’odio, e non mi vuoi bene; hai proposto un enimma a figliuoli del mio popolo e non me l’hai spiegato!» Ed egli a lei: «Ecco, non l’ho spiegato a mio padre né a mia madre, e lo spiegherei a te?»
  17. Ed ella pianse presso di lui, durante i sette giorni che durava il convito; e il settimo giorno Sansone glielo spiegò, perché lo tormentava; ed essa spiegò l’enimma ai figliuoli del suo popolo.
  18. E gli uomini della città, il settimo giorno, prima che tramontasse il sole, dissero a Sansone: «Che v’è di più dolce del miele? e che v’è di più forte del leone?» Ed egli rispose loro: «Se non aveste arato con la mia giovenca, non avreste indovinato il mio enimma».
  19. E lo spirito dell’Eterno lo investì, ed egli scese ad Askalon, vi uccise trenta uomini dei loro, prese le loro spoglie, e dette le mute di vesti a quelli che aveano spiegato l’enimma. E, acceso d’ira, risalì a casa di suo padre.
  20. Ma la moglie di Sansone fu data al compagno di lui, ch’ei s’era scelto per amico.

Постоянная ссылка на эту страницу bibleonline.ru/bible/ita/07/14/.

Выбор перевода и языка



© Библия Онлайн, 2003-2016