1. Or avvenne che, dopo la morte di Saul, Davide, tornato dalla sconfitta degli Amalekiti, si fermò due giorni a Tsiklag.
  2. Quand’ecco, il terzo giorno, arrivare dal campo, di presso a Saul, un uomo colle vesti stracciate e col capo sparso di polvere, il quale, giunto in presenza di Davide, si gettò in terra e gli si prostrò dinanzi.
  3. Davide gli chiese: «Donde vieni?» L’altro gli rispose: «Sono fuggito dal campo d’Israele».
  4. Davide gli disse: «Che e successo? dimmelo, ti prego». Quegli rispose: «Il popolo è fuggito dal campo di battaglia, e molti uomini son caduti e morti; e anche Saul e Gionathan, suo figliuolo, sono morti».
  5. Davide domandò al giovine che gli raccontava queste cose: «Come sai tu che Saul e Gionathan, suo figliuolo, siano morti?»
  6. Il giovine che gli raccontava queste cose, disse: «Mi trovavo per caso sul monte Ghilboa, e vidi Saul che si appoggiava sulla sua lancia, e i carri e i cavalieri lo stringevano da presso.
  7. Egli si voltò indietro, mi vide e mi chiamò. Io risposi: »Eccomi.«
  8. Egli mi chiese: »Chi sei tu?« Io gli risposi: »Sono un Amalekita«.
  9. Egli mi disse: »Appressati e uccidimi, poiché m’ha preso la vertigine, ma sono sempre vivo«.
  10. Io dunque mi appressai e lo uccisi, perché sapevo che, una volta caduto, non avrebbe potuto vivere. Poi presi il diadema ch’egli aveva in capo e il braccialetto che aveva al braccio, e li ho portati qui al mio signore».
  11. Allora Davide prese le sue vesti e le stracciò; e lo stesso fecero tutti gli uomini che erano con lui.
  12. E fecero cordoglio e piansero e digiunarono fino a sera, a motivo di Saul, di Gionathan, suo figliuolo, del popolo dell’Eterno e della casa d’Israele, perché eran caduti per la spada.
  13. Poi Davide chiese al giovine che gli avea raccontato quelle cose: «Donde sei tu?» Quegli rispose: «Son figliuolo d’uno straniero, d’un Amalekita».
  14. E Davide gli disse: «Come mai non hai tu temuto di stender la mano per uccidere l’unto dell’Eterno?»
  15. Poi chiamò uno dei suoi uomini, e gli disse: «Avvicinati, e gettati sopra costui!» Quegli lo colpì, ed egli morì.
  16. E Davide gli disse: «Il tuo sangue ricada sul tuo capo, poiché la tua bocca ha testimoniato contro di te quando hai detto: Io ho ucciso l’unto dell’Eterno».
  17. Allora Davide compose questa elegia sopra Saul e sul figlio di lui Gionathan,
  18. e ordinò che fosse insegnata ai figliuoli di Giuda. E’ l’elegia dell’arco. Si trova scritta nel libro del giusto:
  19. «Il fiore de’ tuoi figli, o Israele, giace ucciso sulle tue alture! Come mai son caduti quei prodi?
  20. Non ne recate la nuova a Gath, non lo pubblicate per le strade d’Askalon; le figliuole de’ Filistei ne gioirebbero, le figliuole degl’incirconcisi ne farebbero festa.
  21. O monti di Ghilboa, su voi non cada più né rugiada né pioggia, né più vi siano campi da offerte; poiché là fu gettato via lo scudo de’ prodi, lo scudo di Saul, che l’olio non ungerà più.
  22. L’arco di Gionathan non tornava mai dalla pugna senz’avere sparso sangue di uccisi, senz’aver trafitto grasso di prodi; e la spada di Saul non tornava indietro senz’avere colpito.
  23. Saul e Gionathan, tanto amati e cari, mentr’erano in vita, non sono stati divisi nella lor morte. Eran più veloci delle aquile, più forti de’ leoni!
  24. Figliuole d’Israele, piangete su Saul, che vi rivestiva deliziosamente di scarlatto, che alle vostre vesti metteva degli ornamenti d’oro.
  25. Come mai son caduti i prodi in mezzo alla pugna? Come mai venne ucciso Gionathan sulle tue alture?
  26. Io sono in angoscia a motivo di te, o fratel mio Gionathan; tu m’eri sommamente caro, e l’amor tuo per me era più maraviglioso che l’amore delle donne.
  27. Come mai son caduti i prodi? Come mai sono state infrante le loro armi?»

Постоянная ссылка на эту страницу bibleonline.ru/bible/ita/10/01/.

Выбор перевода и языка



© Библия Онлайн, 2003-2016