1. L’empio fugge senza che alcuno lo perseguiti, ma il giusto se ne sta sicuro come un leone.
  2. Per i suoi misfatti i capi d’un paese son numerosi, ma, con un uomo intelligente e pratico delle cose, l’ordine dura.
  3. Un povero che opprime i miseri è come una pioggia che devasta e non dà pane.
  4. Quelli che abbandonano la legge, lodano gli empi; ma quelli che l’osservano, fan loro la guerra.
  5. Gli uomini dati al male non comprendono ciò ch’è giusto, ma quelli che cercano l’Eterno comprendono ogni cosa.
  6. Meglio il povero che cammina nella sua integrità, del perverso che cammina nella doppiezza, ed è ricco.
  7. Chi osserva la legge è un figliuolo intelligente, ma il compagno dei ghiottoni fa vergogna a suo padre.
  8. Chi accresce i suoi beni con gl’interessi e l’usura, li aduna per colui che ha pietà dei poveri.
  9. Se uno volge altrove gli orecchi per non udire la legge, la sua stessa preghiera è un abominio.
  10. Chi induce i giusti a battere una mala via cadrà egli stesso nella fossa che ha scavata; ma gli uomini integri erediteranno il bene.
  11. Il ricco si reputa savio, ma il povero ch’è intelligente, lo scruta.
  12. Quando i giusti trionfano, la gloria è grande; ma, quando gli empi s’innalzano, la gente si nasconde.
  13. Chi copre le sue trasgressioni non prospererà, ma chi le confessa e le abbandona otterrà misericordia.
  14. Beato l’uomo ch’è sempre timoroso! ma chi indura il suo cuore cadrà nella sfortuna.
  15. Un empio che domina un popolo povero, è un leone ruggente, un orso affamato.
  16. Il principe senza prudenza fa molte estorsioni, ma chi odia il lucro disonesto prolunga i suoi giorni.
  17. L’uomo su cui pesa un omicidio, fuggirà fino alla fossa; nessuno lo fermi!
  18. Chi cammina integramente sarà salvato, ma il perverso che batte doppie vie, cadrà a un tratto.
  19. Chi lavora la sua terra avrà abbondanza di pane; ma chi va dietro ai fannulloni avrà abbondanza di miseria.
  20. L’uomo fedele sarà colmato di benedizioni, ma chi ha fretta d’arricchire non rimarrà impunito.
  21. Aver de’ riguardi personali non è bene; per un pezzo di pane l’uomo talvolta diventa trasgressore.
  22. L’uomo invidioso ha fretta d’arricchire, e non sa che gli piomberà addosso la miseria.
  23. Chi riprende qualcuno gli sarà alla fine più accetto di chi lo lusinga con le sue parole.
  24. Chi ruba a suo padre e a sua madre e dice: «Non è un delitto!», è compagno del dissipatore.
  25. Chi ha l’animo avido fa nascere contese, ma chi confida nell’Eterno sarà saziato.
  26. Chi confida nel proprio cuore è uno stolto, ma chi cammina saviamente scamperà.
  27. Chi dona al povero non sarà mai nel bisogno, ma colui che chiude gli occhi, sarà coperto di maledizioni.
  28. Quando gli empi s’innalzano, la gente si nasconde; ma quando periscono, si moltiplicano i giusti.

Постоянная ссылка на эту страницу bibleonline.ru/bible/ita/20/28/.

Выбор перевода и языка



© Библия Онлайн, 2003-2017