1. O ignorate voi, fratelli (poiché io parlo a persone che hanno conoscenza della legge), che la legge signoreggia l’uomo per tutto il tempo ch’egli vive?
  2. Infatti la donna maritata è per la legge legata al marito mentre egli vive; ma se il marito muore, ella è sciolta dalla legge che la lega al marito.
  3. Ond’è che se mentre vive il marito ella passa ad un altro uomo, sarà chiamata adultera; ma se il marito muore, ella è libera di fronte a quella legge; in guisa che non è adultera se divien moglie d’un altro uomo.
  4. Così, fratelli miei, anche voi siete divenuti morti alla legge mediante il corpo di Cristo, per appartenere ad un altro, cioè a colui che è risuscitato dai morti, e questo affinché portiamo del frutto a Dio.
  5. Poiché, mentre eravamo nella carne, le passioni peccaminose, destate dalla legge, agivano nelle nostre membra per portar del frutto per la morte;
  6. ma ora siamo stati sciolti dai legami della legge, essendo morti a quella che ci teneva soggetti, talché serviamo in novità di spirito, e non in vecchiezza di lettera.
  7. Che diremo dunque? La legge è essa peccato? Così non sia; anzi io non avrei conosciuto il peccato, se non per mezzo della legge; poiché io non avrei conosciuto la concupiscenza, se la legge non avesse detto: Non concupire.
  8. Ma il peccato, còlta l’occasione, per mezzo del comandamento, produsse in me ogni concupiscenza; perché senza la legge il peccato è morto.
  9. E ci fu un tempo, nel quale, senza legge, vivevo; ma, venuto il comandamento, il peccato prese vita, e io morii;
  10. e il comandamento ch’era inteso a darmi vita, risultò che mi dava morte.
  11. Perché il peccato, còlta l’occasione, per mezzo del comandamento, mi trasse in inganno; e, per mezzo d’esso, m’uccise.
  12. Talché la legge è santa, e il comandamento è santo e giusto e buono.
  13. Ciò che è buono diventò dunque morte per me? Così non sia; ma è il peccato che m’è divenuto morte, onde si palesasse come peccato, cagionandomi la morte mediante ciò che è buono; affinché, per mezzo del comandamento, il peccato diventasse estremamente peccante.
  14. Noi sappiamo infatti che la legge è spirituale; ma io son carnale, venduto schiavo al peccato.
  15. Perché io non approvo quello che faccio; poiché non faccio quel che voglio, ma faccio quello che odio.
  16. Ora, se faccio quello che non voglio, io ammetto che la legge è buona;
  17. e allora non son più io che lo faccio, ma è il peccato che abita in me.
  18. Difatti, io so che in me, vale a dire nella mia carne, non abita alcun bene; poiché ben trovasi in me il volere, ma il modo di compiere il bene, no.
  19. Perché il bene che voglio, non lo fo; ma il male che non voglio, quello fo.
  20. Ora, se ciò che non voglio è quello che fo, non son più io che lo compio, ma è il peccato che abita in me.
  21. Io mi trovo dunque sotto questa legge: che volendo io fare il bene, il male si trova in me.
  22. Poiché io mi diletto nella legge di Dio, secondo l’uomo interno;
  23. ma veggo un’altra legge nelle mie membra, che combatte contro la legge della mia mente, e mi rende prigione della legge del peccato che è nelle mie membra.
  24. Misero me uomo! chi mi trarrà da questo corpo di morte?
  25. Grazie siano rese a Dio per mezzo di Gesù Cristo, nostro Signore. Così dunque, io stesso con la mente servo alla legge di Dio, ma con la carne alla legge del peccato.

Постоянная ссылка на эту страницу bibleonline.ru/bible/ita/52/07/.

Выбор перевода и языка



© Библия Онлайн, 2003-2017